Feuerstein

ARRICCHIMENTO STRUMENTALE E PENSIERI DI MAMMA.

Non conoscevo il metodo Feuerstein, se non di nome, e mi sono iscritta al corso per curiosità e senza aver letto prima assolutamente nulla in proposito, al contrario di quanto faccio di solito.

Credo che se l’avessi conosciuto prima avrei seguito i miei figli con più competenza e soprattutto con più consapevolezza e pazienza.

Ho sempre pensato che siano determinanti nella formazione degli individui gli stimoli positivi, l’esempio (più che le parole), la persona che li  trasmette e il modo in cui questo avviene. Penso che sia molto più importante dare gli strumenti, trovare le strategie per saper fare qualcosa, o per capirla, piuttosto che fornire la pappa pronta.

Negli anni mi è capitato di provare a spiegare questo mio pensiero ma senza molto successo: mi ricordo ancora quando una mamma mi ha deriso perchè la mia ambizione non era quella di fare imparare ai miei figli delle nozioni ma di fargli amare l’apprendimento. Preferivo metà compito svolto e compreso che uno tutto intero e perfettino e non compreso o fatto dalla mamma.

Mi spiace non aver conosciuto prima questo metodo perchè magari avrei saputo trasmettere meglio l’organizzazione ed il controllo dell’impulsività: avrei dovuto fare uno sforzo notevole ma la consapevolezza dell’importanza della mediazione mi avrebbe sicuramente aiutato. Soprattutto mi sarei ripetuta all’infinito: “un momento sto pensando”.

 

L’obiettivo principale dell’arricchimento strumentale consiste nel promuovere la propensione ad apprendere e ad essere modificati dagli eventi dell’apprendimento, non ha come obiettivo l’ampliamento del repertorio di conoscenze dell’individuo, si cerca invece di rendere lo studente capace di apprendere nuove informazioni e saperle utilizzare, di renderlo più efficiente nell’acquisizione di nuove strategie e più capace di trovare vie ottimali di risoluzione dei problemi.

via P.A.S. PROGRAMMA DI ARRICCHIMENTO STRUMENTALE – Insegnante Loredana Alajmo.

 

Lascia un commento