DEMONE BIANCO

Come non leggere DEMONE BIANCO, il libro di Giacomo Cutrera? Da leggere prima e dopo averlo conosciuto.

DEMONE BIANCO di GIACOMO CUTRERA

Si può scaricare gratuitamente dal suo sito, sia come PDF che come audiolibro, ma ho preferito acquistarlo e scambiare due parole con lui, ma soprattutto ascoltarlo!

FARE DI PIU’

… i miei genitori mi spronarono a fare di più. Passai da due a quattro fino a sei ore di studio, polverizzai ogni sorta di rapporto amicale o sociale per riuscire a prendere qualche dannatissimo “buono”, ma tutto fu inutile.

In una giornata dove lo studio inizia alle 2 e finisce alle 9 (con un ora di pausa per cenare) non si trova spazio per nulla, neanche per il rancore. …

… “Dica a suo figlio che deve studiare di più”.

 

A CASA

…  Rientro a casa, appoggio lo zaino a terra e, da quel momento, osservo me stesso da lontano, come spettatore di un film già visto prevedendo le successive mosse dei componenti della mia famiglia.

Mio padre è al lavoro e tornerà per ora di cena, mia madre aspetterà circa cinque minuti, nei quali mi parlerà delle ultime cose e poi mi porrà la domanda che mi riporta a ciò che realmente è la mia vita: “Come è andata a scuola?” …

 

MOTIVAZIONE

…. Dovevo ancora dimostrare al mondo quello che valevo realmente, perché non mi capacitavo di aver speso tutte quelle ore sui libri invano.
Sapevo di sapere e non avrei più permesso che una menzogna mi fosse posta come verità assoluta.
Con questo spirito sarei entrato alle superiori: con forza, sicurezza e una motivazione che, da sola, avrebbe potuto spostare le montagne. …

 

LA SCUOLA E L’AUTOBUS

 …. L’autobus è come la scuola: corre veloce, più veloce di te e, da piccolo, questa velocità ti coglie di sorpresa e l’autobus ti passa davanti, ti sfugge di mano.
In quel caso puoi arrenderti e aspettare quello successivo o continuare a correre. La B, l’autobus dietro, è la strada alternativa che noi dislessici troviamo per raggiungere la velocità degli altri e, lo scatto B/H1, è la nostra più grande vittoria.
In quel tratto, gli altri, fanno i conti con il semaforo e con l’impossibilità di tagliare la curva, fanno i conti con i propri limiti. In quel momento la tua vera forza si manifesta e avviene il sorpasso.  …

 

 

Precedente Le parole scappate Successivo SICURI IN RETE